Self Made Club, School of Content Creation - flowe

Self Made Club, School of Content Creation

1 ottobre, 2021

di Andrea De Carlo e Anna Agnello

selfmadeclub
selfmadeclub
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Per lavorare presso te stesso

Lavorare sul proprio personal branding, ovvero sul proprio “marchio di fabbrica” da comunicare nel modo più efficace possibile, è ormai diventato fondamentale. 

Per questo vogliamo raccontarti la storia di Riccardo Zanetti, youtuber da 250.000 iscritti al canale, che è riuscito a trasformare la sua passione per la finanza e la comunicazione in un lavoro entusiasmante in giro per il mondo. Riccardo ha cominciato quasi per gioco, gli piaceva, si divertiva e stava bene con se stesso. Però le cose col tempo sono cambiate, gli scenari lavorativi si sono evoluti e il panorama delle professioni nel mondo e in Italia è stato stravolto. E così lo stesso Riccardo ha dovuto trovare il modo per restare al passo.

Ce lo spiega lui stesso: “Non ho iniziato da molto, ma 3 anni fa lavorare creando contenuti online sembrava essere realizzabile da poche decide di persone, le più “famose” e conosciute sui social”. Col tempo questo mito è stato abbattuto, e di content creator che fanno questo di professione ce ne sono ormai centinaia. Ma cosa sono poche centinaia, o al massimo qualche migliaio, in confronto a tutto il mercato in evoluzione che vediamo al giorno d’oggi? 

Nulla. 

È per questo motivo che vogliamo sfatare 3 miti che non aiutano affatto chiunque voglia cominciare un percorso da content creator. 

1) Tutti possono fare il content creator
Non è così. Così come non tutti sono portati per diventare medici, falegnami, ingegneri o muratori, non tutti lo sono per la creazione di contenuti. E questo, in realtà, diventa un vantaggio quando si inizia a far parte di una nicchia di persone. 

2) Ho bisogno di soldi per cominciare
Una delle bufale più grandi in circolazione. Il video di Zanetti con più visualizzazioni su YouTube è stato girato con la fotocamera di un iPhone 7. Per cominciare servono passione, costanza e preparazione. E per preparazione s’intende essere pronti a ricevere e critiche e a ottenere risultati iniziali pari a zero, che ci portano spesso a voler gettare la spugna. Ma bisogna tenere duro. 

3) Dare prima di chiedere
Perché, secondo te, una persona dovrebbe seguire il tuo canale/profilo? Cosa stai dando a chi guarda i tuoi video di così interessante per farli iscrivere e continuare a guardare i tuoi contenuti? Ecco, prima di aspettarti migliaia di iscritti/followers, dovresti farti queste domande. 

Self Made Club – School of Content Creation

Dopo aver sfatato questi 3 miti resta un’ultima domanda: vuoi veramente fare in modo che il tuo personal brand ti apra le porte per il lavoro dei tuoi sogni

Se la risposta è sì, dovresti farti un giro alla Self Made Club – School of Content Creation, un percorso di formazione alla portata di tutti pensato per chi desidera diventare imprenditore di se stesso. I corsi spaziano dal public speaking alla grafica, dallo sviluppo dei propri canali social all’online marketing, ma anche la monetizzazione tramite YouTube e la costruzione di uno storytelling, ecco alcuni esempi: 

Professione Creator 

Riccardo Zanetti, youtuber da 250.000 iscritti, ti svela tutti i segreti per iniziare a fare della creazione di contenuti il tuo lavoro, avviando collaborazioni durature con importanti aziende italiane e internazionali. 

La formula chiave del video esperienziale 

Comunicare bene significa emozionare. In questo corso il content creator Mick Odelli ti porta alla scoperta della comunicazione esperienziale, per rendere i tuoi contenuti entusiasmanti, appassionanti e coinvolgenti dall’inizio alla fine. 

Da 0 a Freelance 

Essere imprenditori di se stessi non è affatto semplice. La difficoltà maggiore sta proprio nel riuscire a costruirsi una propria rete di contatti. In questo corso insieme ad Arcangelo Caiazzo, imprenditore digitale, scoprirai tutti gli step necessari per lavorare come freelance. 

Perché dobbiamo essere noi i primi a credere in noi stessi e a investire sul nostro futuro.

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Torna su