Ecoturismo: esempi di Turismo Sostenibile in Europa e in Italia - flowe

Ecoturismo e turismo sostenibile

19 maggio, 2021

di Giorgia Riganti

ecoturismo
ecoturismo

Cos'è l'ecoturismo?

La curiosità è insita nell’essere umano, questa ci permette di scoprire nuove realtà, elementi e strumenti per poterci evolvere. L’esplorazione di nuovi paesi, culture e persone è una delle espressioni più entusiaste della curiosità umana, abbiamo sete di conoscere la terra da cui siamo nati e in cui abbiamo messo radici. Esistono diverse modalità di esplorare il nostro Pianeta, ma quante lo rispettano e quante lo danneggiano? 

Nel 2002, durante il summit mondiale in Québec (Canada), abbiamo avuto conferma da delegati di 132 paesi dell’importanza dell’ecoturismo, ovvero del coniugare il piacere di viaggiare per il mondo responsabilmente e in modo sostenibile nei riguardi di ambiente, cultura e società. Sebbene si possa pensare che attuare un turismo di questo tipo debba essere attribuito soprattutto a forestieri in visita, il rispetto e la sostenibilità dovrebbero invece scaturire da chi abita il luogo stesso in modo da poter dare per primi l’esempio di ciò che si vuole far rispettare.

Ecoturismo e turismo sostenibile

Nel 2020 le università di Yale e Columbia hanno redatto un’analisi sulla performance ambientale, “Environmental Performance Index” su oltre 180 paesi. Questo studio ha come strumenti di analisi una metrica di gestione dei rifiuti e un indicatore pilota sulle emissioni di CO2 dovute al cambiamento della copertura del suolo, oltre a nuovi indicatori che approfondiscono la valutazione della qualità dell’aria, della biodiversità e dell’habitat, della pesca, dei servizi ecosistemici e dei cambiamenti climatici. I risultati di questa approfondita analisi dimostrano che tra i paesi più sostenibili al mondo spiccano quelli del nord Europa.

Un’altra conferma dei paesi leader in questo ambito la dà l’analisi di sostenibilità dei paesi dell’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) secondo cui prima su tutte troviamo la Norvegia, da sempre promotrice di politiche green, riconversione ecologica e innovazione tecnologica. Subito dopo seguono Danimarca e Svizzera, due paesi che investono risorse per un futuro green. A chiudere la Top 10 dei paesi più sostenibili troviamo Paesi Bassi, Lussemburgo e Nuova Zelanda. Non c’è dubbio quindi che se ci è capitato di visitare questi paesi vi sarete accorti dell’impegno e delle attività legate alla sostenibilità sia in termini ambientali ma anche in termini di stile di vita.

Le politiche adottate in queste luoghi devono essere per noi fonte d’ispirazione nel momento in cui ci troviamo a visitarli. L’ecoturismo può davvero fare la differenza. Se ci impegnassimo seriamente a ridurre l’impatto ambientale del turismo potremmo vivere in un mondo molto più sano, invece che continuare a distruggerlo. Il Pianeta ha assolutamente bisogno di un turismo più sostenibile, in cui i viaggiatori hanno rispetto per i luoghi che visitano e non lasciano traccia del loro passaggio. 

ecoturismo

Idee per viaggi sostenibili

Nel tempo che ho vissuto in Olanda ho potuto vivere sulla mia pelle una prospettiva diversa dello stile di vita quotidiano a cui ero abituata. Sorpassando i classici punti cardine della routine olandese, mobilità prevalentemente in bicicletta e annesse piste ciclabili in ogni dove, sono rimasta piacevolmente colpita da un giro in barca dei canali. Strano direte, chissà cosa ci sarà di tanto particolare in un giro dei canali. Effettivamente l’attività in sé potrebbe sembrare una delle tante attrazioni turistiche che si vedono in altre città, ma ciò che mi ha stupita è stato sapere che: 

La barca è elettrica, quindi non inquina minimamente con il suo utilizzo; 

– Il costo è solo di 5 € a testa, che rispetto ad un affitto normale per un giro in barca senza guida vi assicuro essere davvero economico se non addirittura simbolico; 

– Infine, hai la possibilità di passare quelle ore a bere qualcosa tra amici e, nel frattempo, pulire dai rifiuti i canali che attraversi in barca

Questa iniziativa è estremamente semplice nella forma ma ha un impatto positivo enorme su più fronti: non solo passi del tempo di qualità con gli amici, ma fai un giro turistico che aiuta anche il Pianeta. In Italia siamo pieni di laghi, fiumi, mari e canali meravigliosi da nord a sud. Siamo tra le mete turistiche più ambite al mondo, ma serve evolversi e migliorarsi verso un turismo sempre più consapevole. Esperienze come quella che ho vissuto ad Amsterdam in quel pomeriggio, possono essere attuate anche da noi, portando così all’evoluzione di un turismo ecosostenibile e green che rispetti e salvaguardi il territorio. Il nostro paese offre luoghi meravigliosi in cui poter entrate a contatto con la natura, ecco alcuni esempi

– “La gola di Gorropu” in Sardegna uno dei canyon più profondi d’Europa;

– Il parco dei Nebrodi in Sicilia, grande area verde che si trova tra le province di Messina, Enna e Catania;

– La zona di Albarese, in Toscana, dove vengono organizzate escursioni birdwatching in canoa;

L’Appia Pedemontana, percorso di circa 200 km attraverso quella che anticamente era una delle direttrici medievali che collegava Roma con il Meridione.

Se non si è proprio degli esperti o si è a corto di idee, è possibile vivere delle esperienze già organizzate. Nell’app di Flowe (il conto di pagamento che rispetta l’ambiente), ad esempio, c’è un’intera sezione detta “Bazar” ricca di sconti, gift card ed esperienze da mille e una notte: avventure e viaggi per stare a contatto con la natura ed per esplorare il mondo nel rispetto dell’ambiente. E in più, se si viaggia in gruppo, l’app offre una funzionalità molto utile, chiamata Gruppi di Spesa, che permettono di smezzare le spese con un semplice swipe: crei il gruppo, aggiungi i partecipanti e ci pensa l’app a far tornare i conti.

plastic-free

Un Po prima del mare

Sempre sull’onda di esperienze ecosostenibili, Flowe ha supportato ancora una volta Plastic Free nella raccolta di plastica e rifiuti che si è tenuta domenica 23 maggio. Questa iniziativa, “Un Po prima del mare”, ha coinvolto oltre 40 regioni bagnate dal fiume Po per ripulirne gli argini. Più di 650 km di fiume che trasporta e riversa moltissime tonnellate di microplastiche in mare, danneggiando oltre la fauna e flora marina anche l’uomo. 

Flowe ha partecipato in prima persona organizzando una vera e propria sfida a squadre, dove chi ha raccolto più plastica ha fatto un regalo al Pianeta: 

– Team capitanato da Emalloru e Klaus. Premio in palio: Flowe pianta 200 alberi in Guatemala
– Team capitanato da Andrea Pirillo e Giuseppe Bertuccio, di Progetto Happiness. Premio in palio: Flowe adotta una tartaruga

Essere più sostenibili non è solo l’impegno di pochi, ma deve essere una rivoluzione che parte da ognuno di noi nel nostro piccolo, solo così metteremo in atto un cambiamento su più fronti.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per info e costi su conto Flowe vedi foglio informativo e norme su flowe.com sezione trasparenza.

Torna su