Rifiuti elettronici: smaltimento e impatto sul Pianeta - flowe

Rifiuti elettronici: smaltimento e impatto sul Pianeta

clock-icon

06 settembre, 2022

di Ginevra Vago

rifiuti elettronici
rifiuti elettronici

Rifiuti elettronici: qual è l’impatto sul Pianeta?

La rapida modernizzazione globale del XXI secolo, la crescita economica, il progresso finanziario e tecnologico e i cambiamenti sociali hanno portato a una crescita esponenziale del mercato delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (EEE), mentre la durata di vita di questi prodotti è diventata sempre più breve.

Apparecchiature elettriche ed elettroniche sono diventate la spina dorsale dell’odierna società umana, poiché sono considerate il simbolo di uno stile di vita moderno, del comfort, dell’efficienza e persino della prosperità nei Paesi in via di sviluppo. Tuttavia, ogni dispositivo elettronico, alla fine, diventa un rifiuto elettronico. Infatti, la vita media di un nuovo computer è scesa da 4,5 anni nel 1992 a circa 2 anni nel 2005 e sta ulteriormente diminuendo.

I rifiuti elettronici, detti e-waste, sono generati in quantità enormi in tutto il mondo e sono diventati un problema ambientale globale a causa del modo in cui vengono gestiti, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. Infatti, ogni anno, nei Paesi occidentali milioni di tonnellate di dispositivi elettronici vengono gettati via perché diventano irreparabili, danneggiati o semplicemente obsoleti.  Questo ha un impatto enorme sul Pianeta, contribuendo ad aumentare i rischi annessi alla crisi climatica.

Inoltre, circa il 50%-80% dei rifiuti elettronici negli Stati Uniti viene esportato in Paesi in via di sviluppo, come il Ghana, come materiale “riciclabile” o “riutilizzabile”, anche se una percentuale crescente è in realtà inutilizzabile e deve essere scartata dal Paese importatore, che di solito non dispone di strutture per riciclarlo o smaltirlo in modo sicuro.

Cosa sono i rifiuti elettronici?

I rifiuti elettronici o i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) in generale si riferiscono a prodotti elettronici ed elettrici usati e a fine vita, generati localmente da uffici e abitazioni quando diventano obsoleti. Ciò implica che il materiale in questione non sarà riutilizzato e viene scartato dal proprietario nelle sue condizioni attuali. Ovviamente, questi rifiuti non sono biodegradabili e contengono diverse sostanze tossiche per l’ambiente. Tra essi troviamo:

  • apparecchiature per la temperatura: frigoriferi, pompe di calore, condizionatori d’aria, congelatori.
  • schermi: computer portatili, tablet, televisori, monitor
  • lampade: lampade fluorescenti, lampade a LED, lampade a scarica ad alta intensità.
  • apparecchiature di grandi dimensioni: lavatrici, stufe elettriche, grandi macchine da stampa, lavastoviglie, pannelli fotovoltaici.
  • piccole apparecchiature: microonde, aspirapolvere, apparecchiature di ventilazione, tostapane, bollitori, strumenti elettronici, macchine fotografiche.
  • piccole apparecchiature informatiche e di telecomunicazione: telefoni cellulari, strumenti GPS.

Smaltimento e riciclo dei rifiuti elettronici

Il caso di Agbogbloshie, Ghana

Il Ghana, Paese dell’Africa occidentale in forte crescita economica, è un importante centro di ricezione, riutilizzo, recupero e smaltimento dei rifiuti elettronici. Accra, la capitale, ospita un fervente mercato dell’usato, una rete capillare di officine di riparazione e una serie di iniziative che tentano di liberare il potenziale dei rifiuti elettronici.

Il sobborgo di Agbogbloshie, nella capitale del Ghana, è una vasta area urbana situata sulle rive della laguna di Korle. Oltre a ospitare circa 80.000 persone, è anche sede di una discarica di rifiuti elettronici enorme, altamente inquinata e dove non esistono sistemi adeguati di gestione del fine vita dei dispositivi elettronici.

L’economia locale del villaggio si basa su un mercato di cipolle e verdure che serve l’intera capitale, mentre chi non lavora al mercato si dedica alla raccolta di rottami metallici per guadagnare qualcosa. Per questo motivo, la gente del posto ha trasformato questa enorme discarica di rifiuti elettronici in una fonte di sostentamento. Poveri, migranti e bambini spesso recuperano i rifiuti semplicemente rompendo i vetri dei monitor non utilizzabili e bruciando gli involucri per recuperare i metalli preziosi per l’industria. Inoltre, a causa della mancanza di norme nazionali specifiche sul riciclaggio dei rifiuti elettronici in Ghana, gli smantellatori e i riciclatori devono lavorare in condizioni disastrose.

Centinaia di tonnellate di rifiuti elettronici finiscono qui ogni mese, mentre i Paesi occidentali cercano di scaricare le loro scorte sempre crescenti di spazzatura tossica. Dei rifiuti prodotti, solo una piccola parte – circa il 15% nel 2014 – viene riciclata con metodi efficienti e sicuri per l’ambiente.
rifiuti elettronici

L’impatto dei rifiuti elettronici sul Pianeta e sulla nostra salute

Questo processo comporta un notevole inquinamento ambientale e ha effetti estremamente dannosi sul benessere fisico della popolazione locale. Tuttavia, le persone costrette a vivere qui e a riciclare i rifiuti elettronici a mani nude, lo fanno per motivi economici. Gli “e-waste boys” sono per lo più bambini e giovani (tra i 15 e i 35 anni) che vivono in condizioni di estrema povertà. Di solito arrivano dal nord del Ghana senza alcun sostegno e, per non morire di fame, si intossicano ogni giorno di più lavorando all’interno di queste discariche senza alcun equipaggiamento protettivo, e solo pochi di loro ne escono indenni.

  • Impatto negativo sull’aria Ogni giorno vengono bruciate tonnellate di cavi elettrici per estrarre il rame, pratica che causa il rilascio nell’ambiente di sostanze cancerogene come diossine e metalli tossici. L’aria sarà quindi contaminata dagli idrocarburi, respirati dagli abitanti del villaggio.
  • Impatto negativo sul suolo I fumi tossici derivanti dalla combustione, oltre ad avvelenare l’aria, vanno a depositarsi sul terreno e sulle coltivazioni, poi vendute al mercato. I rifiuti elettronici, decomponendosi, rilasciano metalli pesanti tossici (come piombo, arsenico e cadmio) che penetrano nel terreno, contaminando piante e alberi. Pertanto, queste tossine possono entrare nell’approvvigionamento alimentare umano, potendo comportare difetti alla nascita e una serie di altre complicazioni per la salute
  • Impatto negativo sull’acqua Metalli pesanti come mercurio, litio, piombo presenti, per esempio, nelle batterie dei telefoni cellulari e dei computer, se non smaltiti correttamente, penetrano dal suolo alle falde acquifere, dove vengono trasportati verso ruscelli o piccoli stagni d’acqua, inquinando anche i sistemi di irrigazione e l’acqua che gli abitanti della zona bevono. Se questo non bastasse a farci capire la pericolosità dell’errato smaltimento di questi oggetti, possiamo prendere in considerazione un irreparabile danno provocato da questa situazione: il fiume Odaw è morto, non ci sono più organismi viventi perché i metalli pesanti e la plastica degli oggetti elettronici sono penetrati nel terreno e, passando per il fiume, sono finiti in mare. Inoltre, per quanto riguarda il suolo, uno studio ha mostrato che dei 100 campioni di terreno prelevati da Agbogbloshie, più della metà aveva una presenza di piombo pari a più del doppio dello standard accettato dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti (Usepa).

Cosa possiamo fare?

A questo punto, ti starai sicuramente chiedendo cosa puoi fare per arginare il problema dell’e-waste. Innanzitutto, è necessario tenere a mente che ognuno di noi ha, nelle proprie scelte di vita quotidiane, un impatto e una responsabilità diretta, nei confronti del pianeta e anche delle persone che lo abitano. Segnati questi 5 consigli per la prossima volta che ti troverai a dover smaltire un apparecchio elettronico arrivato al fine vita!

  • 1. Pensa due volte prima di comprare un apparecchio elettronico nuovo sostituendo il precedente. Hai davvero bisogno di un nuovo dispositivo per le tue attività quotidiane o per il tuo lavoro? Cerca di rimandare il più avanti possibile il cambio del tuo apparecchio elettronico.
  • 2. Prova a restituire l’apparecchio al produttore, che solitamente è fornito di adeguati sistemi di gestione dell’e-waste e, molto spesso, ti permette di ottenere buoni sconto sul prossimo articolo.
  • 3. Cerca opportunità di riutilizzo. Se il dispositivo si trova ancora in buone condizioni, prova a regalarlo a qualcun altro o tenerlo come scorta. Ricordati che oltre ad amici e famiglia, ci sono moltissimi enti di beneficenza in grado di ottenere valore dagli oggetti di seconda mano.
  • 4. Porta il dispositivo in discariche e strutture adibite e attrezzate per lo smaltimento dei rifiuti elettronici (per esempio le isole ecologiche comunali).
  • 5. Racconta ai tuoi amici il tuo gesto di sostenibilità. Se più persone conoscessero le discariche elettroniche presenti nel mondo, come quella di Agbogbloshie, e sapessero come smaltire i dispositivi elettronici, probabilmente, potremmo arginare questo problema.
  • 6. Prendi in considerazione l’idea di acquistare un dispositivo ricondizionato. Spesso non si prendono in considerazione i vari benefici ambientali che derivano dall’utilizzo di prodotti rigenerati. Infatti, acquistando un prodotto ricondizionato si evita di mandare in discarica dei prodotti che possono ancora venire utilizzati.
  • 7. Scegli di fare acquisti in modo green, utilizzando un conto di pagamento che si prenda cura del Pianeta, come Flowe, che ti permette di vedere la CO2 prodotta dai tuoi acquisti e, se hai il piano Friend, compensarla piantando alberi. In più, con l’iniziativa freshback, ogni 100 pagamenti con una delle carte di debito, viene piantato un albero per compensare la CO2 e contribuire al processo di riforestazione.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale: per le condizioni economiche e contrattuali e per quanto non espressamente indicato è necessario fare riferimento al Foglio Informativo e alle Norme Contrattuali nella sezione Trasparenza e al Documento “Norme contrattuali e foglio informativo conto e servizi”.
Freshback: iniziativa valida per tutti i pagamenti registrati da parte di tutta la clientela Flowe dal 09/05/22 al 
31/12/22. Servizio Eco Balance valido per i clienti Friend (gratuito) e Flex (a pagamento) max 1.000 kg/mese e 3.000 kg/ anno per CO2

Fonti:
Adjei Asare, “Life in Sodom and Gomorrah: the world’s largest digital dump”, The Guardian, 29/04/2014 
Amoyaw-Osei Yaw, Opoku Agyekum Obed, Pwamang John, Mueller Esther, Fasko Raphael, Schluep Mathias, Ghana e-waste Country Assessment, SBC e-Waste Africa Project, 2011 
Beaumont Peter, “Rotten eggs: e-waste from Europe poisons Ghana’s food chain”, The Guardian, 24/04/2019 
Chasant Muntaka, “Agbogloshie Demolition: The End of An Era or An Injustice?”, 22/08/2021 
Donkor Jonathan, “Clean-up at Agbobloshie Market progresses… one week after traders’ eviction”, The Ghanaian Times, 08/07/2021 
GhanaWeb, “Agbogloshie Demolition: Henry Quartey has not been honest with us – Assemblyman”, 02/07/2021 
Ottaviani Jacopo, “La Repubblica dei rifiuti elettronici”, https://www.internazionale.it/webdoc/ewaste- republic/ 
Rapezzi Carolina, “The informal e-waste and metal recyclers of Agbogloshie”, Equal Times, 23/10/2020 
Torna su